top of page

"Il mio sogno è vincere il Mondiale" - Intervista a Davide Cimolai

Intervista al corridore dell'Israel Start-Up Nation che, tra allenamenti sui rulli e dirette su Instagram, si sta preparando per tornare a correre su strada

Foto dal profilo Instagram

Come sta andando questo periodo di quarantena sui rulli? Ormai è un appuntamento fisso la tua diretta giornaliera su Instagram...

Onestamente sta andando alla grande. Cerco di godermi il più possibile questi giorni tranquilli perché tra qualche mese si tornerà a girare.

A proposito di dirette, tutti sanno quanto ami divertiti e la musica non manca mai nei tuoi allenamenti. In questo periodo quanto è difficile rimanere concentrati e allenarsi?

In questo periodo mi alleno per mantenere un minimo di condizione atletica, ma considerando il fatto che le gare saranno tra non prima di 3 mesi penso sia giusto togliersi anche qualche sfizio.

© Foto di BettiniPhoto

Pochi giorni fa Tuttobiciweb ha riportato le tue parole riguardo gli Europei del 2018 (ricordiamo comunque che nel 2019 sei stato l'unico ciclista assieme a Trentin ad esser stato convocato sia ai Mondiali sia agli Europei). Quali possono essere gli impegni di quest'anno con la nazionale?

Avendo visto i percorsi delle Olimpiadi e dei Campionati mondiali, sapevo che non sarei stato un uomo adatto per queste corse, mentre all'Europeo dovrei esserci salvo imprevisti, anche perché è uno degli obiettivi più importanti che mi ero posto per quest'anno.

Molte gare sono state posticipate o annullate, e così il calendario di un anno verrebbe praticamente condensato in 3 mesi. Cosa ne pensi? Sei ottimista sul ritorno alle gare?

Si, devo dire che sono ottimista, penso che già da luglio si possa tornare a gareggiare e secondo me è giusto correre anche fino a novembre.

Purtroppo questa situazione ha messo in difficoltà parecchie squadre, anche a livello World Tour. Qual è la situazione della tua squadra, l'Israel Start-Up Nation?

Per il momento la situazione della mia squadra è tranquilla, dimostrazione che l'Israel Start-Up Nation è molto seria e professionale.

Qualcuno ha persino proposto come soluzione l'idea di introdurre dei biglietti per vedere una gara. Qual è il tuo pensiero a riguardo?

Secondo me basterebbe che le squadre ricevessero parte dei soldi dei diritti televisivi delle diverse gare.

© Foto di Noa Arnon

L'anno scorso hai cambiato squadra dopo alcuni anni e ti sei accasato all'Israel Cycling Team. Cosa ti ha colpito di questa squadra? Come ti sei trovato?

Qui mi hanno subito dato fiducia e messo nelle condizioni di poter dare il massimo ed ho cercato di contraccambiare nel miglior modo possibile. Ho un contratto con loro fino al 2021 ma vorrei rimanerci a lungo.

Dopo un inizio di stagione in Spagna e Portogallo, quali erano i tuoi piani per questo 2020?

Per quest'anno i miei obiettivi erano la Tirreno-Adriatico, la Milano-Sanremo, il Giro d'Italia e infine gli Europei a Trento.

Qual è la gara che sogni di vincere un giorno? Perchè?

Direi decisamente il Mondiale, vedermi con l'iride addosso sarebbe il mio sogno.

Ultima domanda obbligatoria: quali sono i tuoi luoghi e le tue salite preferiti in cui ami allenarti qui in Friuli?

Abito in pedemontana e quindi faccio spesso Piancavallo e Mezzomonte, posti meravigliosi per allenarsi.


Ringraziamo Davide Cimolai per la sua disponibilità, nella speranza di rivederlo tornare a gareggiare e ad alzare le braccia al più presto (intanto non perdetevi le sue mitiche dirette su Instagram!).

72 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


© foto di 

bottom of page